Il linguaggio e le sue funzioni; costruzione delle competenze linguistiche, prevenzione dei DSL.

CORSO – Il linguaggio e le sue funzioni; costruzione delle competenze linguistiche,
prevenzione dei disturbi del linguaggio
Costo: € 70,00 comprensivo dell’Iscrizione all’Associazione (ID SOFIA 52453)
Carta del docente: Sì

Un terzo dell’impegno sarà con lezioni in presenza o webinar interattivi, un terzo con studio del
materiale on line e un terzo con la sperimentazione in classe di un percorso con uso degli strumenti
indicati dai tutor. di osservare e monitorare le costruzioni linguistiche possedute, quelle in via di
costruzione e quelle ancora da avviare, individuando zone di lavoro prossimali ma anche
evidenziando la necessità di ulteriori approfondimenti.
Nel percorso di formazione ci dovranno essere dei brevi momenti di riflessione personale, di
discussione con le altre docenti e di semplice documentazione dell’attività svolta.
Nel corso si trovano video di lezione sugli argomenti, materiale da sperimentare in classe/sezione e
strumenti per la riflessione e la discussione. Il focus è come si possono aiutare i bambini a costruirsi
delle solide basi del linguaggio e così prevenire e contenere i possibili disturbi e, attraverso anche
l’aiuto del tutor, di sperimentare nella propria attività un breve percorso a scelta fra quelli proposti.
Obiettivo generale del corso è quello di mettere in condizioni i docenti di conoscere i passaggi
necessari per la costruzione del discorso per usi cognitivi e l’acquisizione di tecniche di osservazione
e monitoraggio delle costruzioni linguistiche possedute dagli alunni, quelle in via di costruzione e
quelle ancora da avviare, individuando zone di lavoro prossimali nell’intento di prevenire
precocemente i disturbi del linguaggio.
Obiettivi specifici:
• Dotare i docenti di strumenti per riconoscere eventuali difficoltà nella costruzione del
linguaggio
• Dotare i docenti di strumenti per favorire la costruzione di competenze linguistiche corrette
fin dalla prima infanzia
• Dotare i docenti di percorsi didattici efficaci per le costruzioni di base della logica
Descrizione delle attività:
• Conoscenza delle principali leggi sull’argomento
• La costruzione del linguaggio: mappa episodica e mappa semantica
• Il linguaggio tra automatismi e ideativo
• Faccio, parlo, penso…..l’Atelier del piccolo gruppo
• Il Metodo nella prevenzione dei DSA e DSL
• Problem Solving – Idee per DAD e DID
• Documentazione e riflessione sulle attività svolte con gli alunni
• Partecipazione a discussioni dei colleghi nei forum
Competenze generali della professionalità docente alle quali contribuisce:
• relazionare correttamente con gli alunni
• costruire e usare rubriche di osservazione e monitoraggio delle costruzioni linguistiche
possedute dagli alunni
• osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo
• servirsi delle nuove tecnologie per le attività progettuali, organizzative e formative
• curare la propria formazione continua
In particolare
Attività on line: spazio di riflessione individuale e collettiva
In questa sezione ci sono le applicazioni che vi permettono di interagire fra voi e con il gruppo staff.
Si tratta del forum su cui discutere insieme di problemi comuni o aprire richieste di aiuto e di temi
comuni; c’è poi lo spazio per il diario visibile solo dai tutor e riservato al racconto delle vostre
esperienze didattiche, e infine il software per trasferire la documentazione delle attività che avrete
svolto. Qui trovate anche il questionario iniziale e il link alla relazione finale.
Moduli: Quiz, Forum, Diario, Compito,Lezione
Normativa
La legislazione negli anni si è arricchita di indicazioni e protocolli per rendere più agevole e chiaro
l’accompagnamento dei bambini che presentano fatiche nell’apprendimento. Tutti i professionisti
della scuola dovrebbero approfondire le dinamiche anomale che si rilevano nella classe e avere le
conoscenze essenziali per individuare con una certa celerità i bisogni specifici di alcuni bambini così
da attivare sia strategie altamente personalizzate, sia chiedere la collaborazione della famiglia ed
eventualmente avviare il percorso verso gli specialisti.
La costruzione del linguaggio: mappa episodica e mappa semantica
I bambini sono fortemente motivati ad imparare la lingua che sentono parlare intorno a loro, per
ampliare notevolmente gli scopi, che già sono in grado di raggiungere con la comunicazione non
verbale, fatta, oltre che col pianto e il riso , anche con le posture corporee, con gli sguardi e coi gesti
indicativi. Ma come accade questo processo?..
Il linguaggio tra automatismo e ideativo
Nell’insegnamento della lingua entrano due fattori che risultano determinanti per un corretto uso
del linguaggio: l’ambito degli automatismi e l’ambito dell’ideativo. Tratteremo soprattutto l’aspetto
degli automatismi in quanto sono il terreno ove si susseguono errori di insegnamento dovuti alla
poca conoscenza dei processi di acquisizione di corrette procedure
Faccio parlo penso … l’Atelier del piccolo gruppo
Accompagnare gli alunni nel loro percorso scolastico personalizzandolo, richiede una conoscenza
approfondita delle tappe essenziali. Nella riorganizzazione dei contenuti disciplinari si sono
individuati gli elementi fondanti, il “cosa” di ogni disciplina, il come e il quando presentare i contenuti;
i contenuti sono situati lungo un percorso che va dal semplice verso il complesso, dal concreto verso
l’astratto e dal globale verso il particolare. Per un apprendimento coronato dal successo dalla scuola
dell’Infanzia al termine del primo ciclo d’istruzione.
Il metodo nella prevenzione dei DSA e dei DSL
Per riconoscere e definire un DSA o un DSL è necessario lo specialista del linguaggio, tuttavia noi
insegnanti abbiamo il bambino che lavora con noi per la maggior parte del tempo della sua giornata
attiva quindi non possiamo essere digiuni sull’argomento. Qui vengono forniti alcuni test che ci
permettono di osservare e monitorare le costruzioni linguistiche possedute, quelle in via di
costruzione e quelle ancora da avviare, individuando zone di lavoro prossimali ma anche
evidenziando la necessità di ulteriori approfondimenti.
Problem solving
Oggi, per conoscere e approfondire fenomeni personali e collettivi, per prendere decisioni nella
complessità di condizioni è necessario possedere una notevole capacità di analisi critica. Conoscere
bene il problema, pianificare la raccolta di informazioni,, raccogliere i dati, rappresentarli, analizzarli
ed interpretarli: applicando precocemente queste procedure si costruisce nel tempo tale competenza.
Nella sezione trovate indicazioni per il percorso che , gradualmente e nel tempo contribuisce a
formare questa capacità.
Idee per DAD e DID
La pandemia è diventata l’occasione perché le tecnologie entrino a pieno titolo nella scuola e
permettano il passaggio di contenuti che a causa del distanziamento, sarebbero interrotti. Ma la
scuola non è semplicemente una trasmissione di conoscenze! E’ innanzitutto RELAZIONE . Abbiamo
visto come una buona relazione favorisce l’apprendimento e aumenta la motivazione. Una buona
relazione trova le strategie per coltivare nel bambino il desiderio di imparare e questo l’abbiamo
visto accadere anche attraverso la Didattica a Distanza
Le schede utilizzate con i risultati della prova di alcuni alunni vanno digitalizzate (o la prova stessa)
e inviate nella sezione attività on line attraverso il “compito” con una breve descrizione di quanto il
corsista ritiene opportuno notare.
Nel corso dell’attività va redatto un diario di bordo con le riflessioni e il racconto dell’esperienza.
Anche il diario si trova nella sezione “Attività on line” così come il forum dove partecipare alle
discussioni dei colleghi e/o promuovere temi
Metodologia
Il nostro percorso di base sulla valutazione utilizza la metodologia che abbiamo messo a punto in
questi anni e che corrisponde in parte a quella definita BLEC MODEL.
In pratica abbiamo le attività tipiche del BLended e cioè un mix fra presenza e on line, delle E-tivity
attività sulla piattaforma e il sostegno di veri e propri Coach, le nostre tutor che hanno competenze
specifiche sul tema e quindi possono consigliare a distanza attività, metodologie e quanto possa
servire. A questo modello noi abbiamo aggiunto le attività in classe del tipo ricerca azione. Il docente
che vuol formarsi legge, ascolta, studia parte del materiale on line, sceglie una tipologia di intervento
in classe, lo sperimenta e documenta nella piattaforma l’attività completa di riflessione personale e
di discussione con gli altri corsisti.
Durata: chi completa il corso (Lezioni in presenza, video-lezioni, dispense digitali, interazione con
tutor, partecipazione discussioni collettive, attivazione esperienze didattiche coerenti,
documentazione attività svolte e diario on line) ha un riconoscimento di 25 ore (8/10 in presenza +
15/17 on line e in classe/sezione) di attività di formazione se esegue le attività minime previste.
Chi intende seguire solo gli incontri in presenza potrà avere le attestazioni delle sole ore seguite.
Periodo di svolgimento: Il corso rimarrà disponibile per 100 giorni a partire dalla prima relazione o
webinar in presenza.
Direttore del corso: Prof. Giuliano Giuntoli, Università di Firenze
Docenti: Dott.ssa Chiara Vannucci
Tutor (interventi con indicazioni operative, consulenza e animazione on line, valutazione attività):
• Prof.ssa Giuseppina Grandini
• Docente Paolina Dal Bon
• Dott.ssa Elena Sardi
Coordinamento
• Prof. Umberto Bertolini (predisposizione piattaforma, iscrizioni, controllo presenze e
attività degli iscritti, animazione)
Monitoraggio
• Questionari personali on line
• Tracciamento delle attività con elaborazione dati partecipazione
• Svolgimento delle attività previste
Valutazione
• Questionario iniziale
• Relazione finale
• Interventi nei forum e annotazioni diario di bordo
• Questionario a distanza di tempo
Tracciamento delle attività e delle competenze coinvolte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.